PROGETTO FINANZIATO DAL PON 2007-2013 NELL'AMBITO DELLA MISURA NUMERO XXX

Esperimenti: La luce





Immagine5_1.jpg - 15.41 Kb

CONVERSAZIONE :

LA LUCE E? UNA FORMA DI ENERGIA E, QUELLA PIU? VELOCE E? QUELLA DEL SOLE CHE ARRIVA SULLA TERRA DALLO SPAZIO SOTTO FORMA DI ONDE LUMINOSE. ESSE VENGONO RIFLESSE DAGLI OGGETTI CHE COLPISCONO, RENDENDOLI VISIBILI AI NOSTRI OCCHI.

PUR APPARENDO PRIVA DI COLORE, LA LUCE E? UNA MISCELA DI COLORI CHE VENGONO ASSORBITI IN QUANTITA? DIVERSE DAI VARI OGGETTI.

 

L'ARCOBALENO mostra i sette colori che compongono la luce; rosso, arancione. giallo,verde, blu. indaco e violetto

 

IL DISCO DI NEWTON

NOI VEDIAMO LA LUCE BIANCA O TRASPARENTE, MA IN REALTA? ESSA CONTIENE TUTTI I COLORI DELL?ARCOBALENO. LO SCOPRI? NEWTON OSSERVANDO UN PRISMA DI VETRO,CHE COLPITO DA UN RAGGIO DI LUCE NATURALE BIANCA SI SCOMPONEVA IN SETTE COLORI.

ESPERIMENTO

MATERIALE: FOGLIO ALBUM BIANCO, CANNUCCIA, FERMACAMPIONE, COLORI A PASTELLO, COMPASSO.

FASI

?       FARE UN CERCHIO GRANDE CON IL COMPASSO;

?       DIVIDERE IL CERCHIO IN SETTE SPICCHI E COLORARLI CON I  COLORI DELL?ARCOBALENO;

?       CON IL FERMACAMPIONE FISSARE IL CERCHIO ALLA CANNUCCIA;

?       FAR GIRARE VELOCEMENTE IL CERCHIO COLORATO.

CONCLUSIONE

GIRANDO VELOCEMENTE, I COLORI NON SI VEDRANNO PIU? E IL CERCHIO DIVENTERA? BIANCO

 

Immagine1luce.jpg - 18.06 KbImmagine3_1.jpg - 15.07 KbImmagine4_1.jpg - 17.81 KbImmagine5_2.jpg - 30.78 Kb

DIRITTO O PIEGATO?

Materiale: un bicchiere di vetro, acqua , un cucchiaio,altri oggetti (matita, righello?.)

Attività: Metti il cucchiaio nel bicchiere vuoto. Verso l?acqua nel bicchiere, senza riempirlo completamente. Osserva ora il bicchiere di fronte.

Come ti appare il cucchiaio, nel punto in cui esce l?acqua?

Ripeti l?esperienza ponendo nell?acqua altri oggetti come cannuccia, matita?

Quando la luce passa da una sostanza trasparente ad un?altra , produce un fenomeno fisico che si chiama rifrazione. I raggi luminosi si muovono più lentamente nell?acqua che nell?aria e vengono leggermente rallentati e deviati. Questa deviazione della luce produce degli effetti curiosi: un oggetto immerso parzialmente nell?acqua sembra spezzato in corrispondenza della superficie d?acqua.

RIFLESSIONI?.ALLO SPECCHIO

Materiale: uno specchio, un foglio, una penna

Attività:Sistema uno specchietto in posizione verticale, sopra un foglio di carta. Scrivi poi un messaggio segreto per un tuo compagno sul foglio, guardando sempre lo specchio.

Com?è scritto il tuo messaggio sul foglio?Come potrà decifrarlo il tuo compagno?

LA PROPAGAZIONE DELLA LUCE

Materiale: tre cartoncini, tre supporti , una candela

Attività: Pratica in ogni cartoncino un foro del diametro di 1 cm, accendi la candela e mettila dietro ai cartoncini. Sistema i cartoncini prima in modo che la fiamma e i tre fori siano allineati, poi in modo che i fori non risultino allineati. Guarda attraverso l?ultimo foro in entrambi i casi.

Che cosa osservi? Quando i fori sono allineati la luce della fiamma arriva ai tuoi occhi, quando non sono allineati non la vedi.

Che cosa ne deduci? La luce si propaga in linea retta.

COSTRUIAMO UNA CAMERA OSCURA

Materiale: una scatola di cartone, un foglio di carta oleata o di carta velina, della carta nera, della colla e una candela.

Attività: Rivesti le pareti interne della scatola e il coperchio con la carta nera e incolla poi accuratamente il coperchio sulla scatola in modo che il suo interno sia perfettamente buio. Pratica un piccolo foro alcentro di una delle due facce più piccole della scatola e ritaglia poi nella faccia opposta un largo quadrato al cui posto incollerai il foglio di carta oleata ben teso. Colloca la candela accesa davanti al foro, a una certa distanza da esso, oscura la stanza e osserva lo schermo di carta oleata. Vedrai l?immagine della candela rimpicciolita e capovolta.

 

Ancora esperimenti 

Il sapientino

     Materiale: pinzetta

                      generatore (batteria)

                      cicalino

                      lampadina

                      foglio di rame sottile

      Ipotesi: la lampadina potrà accendersi alla risposta corretta o a quella errata? Il suono e l?accensione della lampadina sono collegati?

      Esperimento:costruzione del sapientino

 

Accensione della lampadina

     Materiale: una pila piatta da 4.5 volt

                       una lampadina da torcia elettrica

     Ipotesi: la lampadina potrà accendersi?In che modo dovrà essere collegata alla pila perché si   illumini?

     Esperimento: prendi la pila e la lampadina e mettili a contatto cercando di farle interagire. Dopo essere riuscito a far accendere la lampadina disegna sul tuo quaderno con molta precisione come hai collegato la pila alla lampadina per accenderla, disegna anche alcuni collegamenti errati per l?accensione.

 

Lo stesso esperimento può essere riproposto un una pila cilindrica da 1,5 o 3 volt. Per l?accensione della lampadina può essere in questo caso necessario l?utilizzo di un cavo elettrico. E? necessario ricordarsi che il cavo è ricoperto da un rivestimento isolante che dovrà essere tolto nelle sue estremità affinché l?accensione avvenga.

 

Luce e colori. Formazione dell?arcobaleno

         Materiale: torcia elettrica

                          Prisma ottico

         Esperimento: poni la torcia in corrispondenza del prisma ottico, da questo vedrai scomporsi la luce nei colori dell?arcobaleno

 

La luce e i corpi

            Materiale: oggetti di materiali diversi ( libro, candela, bottiglia di plastica, riga?.)

            Esperimento: poni gli oggetti sul tavolo e prova a nascondere la mano dietro di essi. Sono trasparenti? Traslucidi? Opachi?

 

Propagazione della luce

              Materiale: due cartoncini con un foro centrale

                               una torcia elettrica

               Ipotesi: in quale modo devo porre i cartoncini per poter vedere il punto luminoso sul muro?

              Esperimento: sistema i due cartoncini sopra un tavolino posto davanti al muro, facendo in modo che stiano diritti. Oscura la stanza, accendi la torcia e ponila dietro i cartoncini prima facendo in modo che i fori non siano allineati. Poi allinea perfettamente i due fori. Che cosa puoi concludere?

 

La riflessione

           Materiale: uno specchietto

                             la torcia elettrica

           Esperimento: poni lo specchietto sul tavolo, spegni la luce e oscura la stanza. Accendi la torcia e fai arrivare il fascio luminoso della torcia sullo specchietto. Cosa succede ai raggi luminosi? I raggi una volta colpito lo specchio vengono riflessi, cioè respinti in una sola direzione, come se rimbalzassero.

 

La diffusione

           Materiale: superficie ruvida e irregolare

                             la torcia elettrica

           Esperimento:  spegni la luce e oscura la stanza. Accendi la torcia e fai arrivare il fascio luminoso della torcia sulla superficie ruvida e irregolare. Cosa succede ai raggi luminosi? I raggi una volta colpita la superficie ruvida e irregolare vengono diffusi, cioè è deviata in tante direzioni diverse.