PROGETTO FINANZIATO DAL PON 2007-2013 NELL'AMBITO DELLA MISURA NUMERO XXX

PON ANNO 2010 "Campania Felix 1" PROGETTO





Unione Europea

Ministero della pubblica istruzione

 

Direzione Generale per le Politiche Regionali

2° circolo didattico

San Giuseppe Vesuviano

Direzione Generale per gli Affari Internazionali

Distretto Scolastico N.  32

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2° CIRCOLO

80047 SAN GIUSEPPE VESUVIANO (NA) ? Via S. Leonardo, 2 ? Tel. e Fax 081.827.19.88

cod. mecc. NAEE17800R  ?  e-mail:  eleme2@Virgilio.it

 

 

P.O.N. 2007/2013 ?CON L?EUROPA, INVESTIAMO SUL VOSTRO FUTURO?

Annualità 2009/10 - PROGETTO: ?CAMPANIA FELIX?  - MODULO ALUNNI -

Fondo FSE ? obiettivo F ? azione 1-   Codice 2430

                                                       

                                                                    

TITOLO:   CAMPANIA FELIX

PREMESSA

L?appellativo fu dato alla regione dagli antichi Romani che sul suo territorio costruirono le loro ville destinate sia alle vacanze che al domicilio stabile;  la mitezza del clima la fertilità del suolo, la varietà e la bellezza dei paesaggi, la flora e la fauna e l?eccellenza delle produzioni agroalimentari ne furono il perché .

La Campania con i suoi 430 chilometri di costa, che vanno dalla foce del Garigliano

al golfo di Policastro, ha sul mare la propria porta principale;  oltre la metà dei suoi abitanti vive nelle aree rivierasche  a ridosso di questo ingresso dal quale sono passati nei secoli i loro progenitori. E? un rapporto con il mare che ha segnato da sempre il quotidiano della gente campana,influenzando la cultura, determinando usi, disegnando la mappa delle attività; in definitiva conferendo alla gente l?insieme di quelle caratteristiche che fanno del cittadino campano una delle persone più estroverse ed ospitali del mondo.

Il progetto prevede tre percorsi:

1.     Percorso naturalistico -Parco Nazionale del Cilento.

2.     Percorso ambientale ? Riserva Naturale Marina Punta Campanella e Isole.

3.     Percorso Archeologico ? Parco Nazionale dei Campi Flegrei, Parco Sommerso di Baia, Parco Sommerso di Gaiola.

FINALITÀ

1.     Effettuare una lettura degli eventi e dei fenomeni che caratterizzano l?ambiente fisico e biologico,  analizzandone gli elementi costitutivi al fine di comprendere le loro relazioni.

2.     Tracciare un percorso di esplorazione e di conoscenza dell? ?Ambiente Campania?.

3.     Acquisire un metodo di studio e di ricerca su ambiente - ecologia e natura.

OBIETTIVI

1.     Esplorare l?ambiente mare per conoscerlo e comprenderlo.

2.     Scoprire le ricchezze e le risorse del mare.

3.     Conoscere gli elementi costitutivi dei due parchi sommersi: parco di Gaiola e parco di Baia.

4.     Conoscere gli elementi costitutivi delle due aree protette : parco Nazionale del Cilento e Parco Nazionale dei Campi Flegrei.

5.     Conoscere e approfondire i diversi tipi di coste .

6.     Conoscere le isole e le rispettive caratteristiche.

7.     Scoprire miti e leggende .

8.     Capire l?importanza della salvaguardia della tutela dell?ambiente.

9.     Cogliere gli elementi positivi del complesso ambiente ?CAMPANIA?.

CONTENUTI

1.     Cenni storici e geografici.

2.     Parco Sommerso di Gaiola: miti e leggende dei luoghi, reperti archeologici, cucina locale.

3.     Parco Sommerso di Baia: flora e fauna, ville termali e imperiali, cucina locale.

4.     Parco Nazionale dei Campi Flegrei: flora e fauna, carattere vulcanico dei luoghi, laghi presenti.

5.     Riserva Naturale Marina Punta Campanella: attività legate al turismo e alla

 pesca, prodotti agroalimentari.

6.     Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano: flora e fauna, coste, attività

legate al turismo, prodotti agroalimentari, cucina locale.

7.     Le isole: flora e fauna, turismo, prodotti agroalimentari, cucina locale.

ATTIVITÀ

1.     Ricerche su Internet di illustrazioni e materiale informativo inerente la flora e la fauna della Campania oggetto di studio.

2.     Visione di filmati.

3.     Lettura di testi informativi.

4.     Elaborazione di un giornalino monotematico contenente articoli immagini riflessioni, miti e leggende dei tre percorsi.

5.     Preparazione di cartelloni.

6.     Esperimenti connessi alle attività.

7.     Una o più uscite sul territorio.

METODOLOGIA

·     Discussioni guidate.

·     Cooperative learning.

·     Circle time.

·     Didattica laboratoriale.

·     Lavoro di gruppo elettivo e di compito.

VERIFICA  E  VALUTAZIONE

Ø     Somministrazione di un questionario d'ingresso.

Ø   Osservazioni sistematiche in itinere.

Ø   Somministrazione di un questionario in itinere.

Ø   Monitoraggio degli apprendimenti degli alunni con prove strutturate e semi-   strutturate sulle tematiche svolte.

Ø   Somministrazione di un questionario alla fine del percorso.

Ø   Somministrazione di un questionario di gradimento

  

San  Giuseppe Ves° 02/03/2010

            Le  Docenti                                    Il  Dirigente  Scolastico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




inserisci qui il tuo commento

nome:


commento:




attualmente sono stati inseriti 0 commenti